Bonus, questo è perfetto per la tua bolletta: cosi pagarla non sarà più un problema

Da sapere sul bonus per la bolletta, pagarla non sarà più un problema. Tutte le informazioni utili da conoscere.

In tempi di caro vita e in particolare di caro bollette come questi è fondamentale risparmiare il più possibile. Occorre fare attenzione a ogni minima spesa, a ogni uscita dal budget familiare. In aiuto delle famiglie sono stati predisposti diversi bonus, come il bonus sociale per le bollette di luce e gas.

bonus bolletta
Bonus, questo è perfetto per la tua bolletta: cosi pagarla non sarà più un problema (Liquida.it)

Questo contributo è stato disposto dal governo per le famiglie più svantaggiate e prevede uno sconto sulle bollette per l’energia elettrica e il gas. Un aiuto molto importante.

Di seguito, scopriamo chi ha diritto a questo sconto in bolletta, qual è l’importo di questo sconto e come ottenerlo. Ecco tutto quello che bisogna sapere.

Bonus sociale per la bolletta

Il contributo economico o sconto sulla bolletta di luce e gas previsto dal bonus sociale, introdotto già dal governo Draghi e poi mantenuto, è stato ideato per le famiglie a basso reddito e più vulnerabili alle oscillazioni delle tariffe che abbiamo visto negli ultimi anni.

Si tratta, dunque, di una agevolazione economica introdotta dallo Stato con una detrazione sul costo delle bollette energetiche. Non è per tutti ma solo per le famiglie più bisognose. Nel primo trimestre del 2023, hanno diritto al bonus luce e gas le famiglie con indicatore ISEE non superiore a 15mila euro e le famiglie con almeno 4 figli a carico con ISEE non superiore ai 20mila euro. Hanno diritto allo sconto anche i percettori del reddito di cittadinanza e per il bonus sulla luce anche le persone con gravi problemi di salute che hanno bisogno di apparecchiature elettromedicali salvavita, con costi elevati in bolletta.

bonus bolletta
Pagare la bolletta (Liquida.it)

Le famiglie economicamente svantaggiate non devono presentare richiesta per il bonus. Lo sconto in bolletta si applica in automatico alle famiglie che presentano annualmente la DSU, Dichiarazione Sostitutiva Unica, e abbiano un modello ISEE sotto i 15mila euro.

Invece, per il bonus elettrico per disagio fisico va fatta la richiesta, presentando un’apposita domanda con certificato medico della ASL ai Comuni o ai CAF abilitati. In caso di bisogno, il bonus elettrico per disagio fisico può essere cumulato a quello per disagio economico.

Importi

Il bonus elettrico per disagio economico prevede uno sconto in bolletta da 182,70 euro a 265,50 euro, a seconda dei componenti del nucleo familiare. Quello elettrico per disagio fisico, invece, va da un minimo di 99 euro a un massimo di 311,40 euro, a seconda dei kWh all’anno di consumo extra e dei kW di potenza utilizzata.

Mentre il bonus gas per disagio economico comporta uno sconto in bolletta da 64,80 euro a 511,20 euro, a seconda dei componenti del nucleo familiare e della zona climatica.

Inoltre, per le famiglie con ISEE inferiore ai 15mila euro ma superiore ai 9.530 euro lo sconto del bonus è ridotto all’80% degli importi indicati. Riduzione che non si applica alle famiglie numerose, con almeno 4 figli.

Con gli ultimi provvedimenti del governo, il bonus sociale per gas e luce è stato prorogato anche per il secondo trimestre 2023, fino a giugno incluso. Sono stati, inoltre, confermati l’Iva al 5% in bolletta e l’azzeramento degli oneri di sistema sulla bolletta del gas, ma non su quella dell’energia elettrica.

Impostazioni privacy