Stai invecchiando velocemente a causa della luce blu di PC e cellulari | Difenditi subito

La luce blu degli schermi non causa danni solo alla vista, pare sia responsabile dell’invecchiamento precoce della pelle: come difendersi.

L’essere nati nell’era digitale ha sicuramente avuto degli effetti positivi. Nella società di oggi abbiamo tutto a portata di mano, possiamo cercare e ottenere tutto ciò che vogliamo senza nemmeno spostarci di casa, inoltre possiamo usufruire di molteplici forme di intrattenimento utilizzando un solo dispositivo e godere delle gioie della interconnessione tra i vari device.

Pc causa invecchiamento veloce
La sovraesposizione alla luce blu dei monitor causa un invecchiamento precoce – Liquida.it

L’era digitale ha portato in dote anche nuove tipologie di lavoro. Le più note sono sicuramente l’influencer e il content creator, ma il numero di lavori che si possono svolgere da casa grazie ad uno smartphone e ad un pc sono innumerevoli, tanto che le statistiche indicano una crescita esponenziale dei lavori in remoto.

Ovviamente questa rivoluzione digitale in ambito privato e lavorativo non ha esclusivamente effetti positivi. I social ad esempio danno solo l’illusione della connessione e dell’amicizia, visto che i rapporti che si creano sono solitamente superficiali e falsi. Inoltre questi hub hanno acuito la percentuale di persone che soffre di disturbi psicologici, facendo aumentare a dismisura la diffusione della Fomo.

Anche l’assenza di un vero e proprio ufficio e di un contesto lavorativo non è esclusivamente positivo. Mancano infatti i momenti di stacco, le pause con i colleghi e una migliore gestione del tempo e delle energie. Di fatto nell’epoca odierna siamo spesso soli davanti ad un computer e questo causa un distacco dalle relazioni sociali ed una serie di nuove problematiche di salute di cui siamo ancora poco coscienti.

Luce blu: come prevenire l’invecchiamento digitale

Da quando la sovraesposizione alla luce blu degli schermi è diventata una costante della nostra vita, sono cominciati anche degli studi sugli effetti a lungo termine di questa nuova condizione. Sappiamo già da tempo dei problemi posturali dovuti alla posizione che teniamo quando siamo in scrivania. Conosciamo anche gli effetti negativi degli schermi e della luce hev sugli occhi (una lunga esposizione causa secchezza e fa abbassare la vista) e sulla qualità del sonno.

Pc causa invecchiamento veloce
Filtri schermo, skincare routine e distacco dagli schermi sono metodi per prevenire l’invecchiamento digitale – Liquida.it

Nessuno o quasi parla degli effetti di questa illuminazione artificiale sulla nostra pelle. Sebbene infatti la luce hev (o luce blu) non faccia male quanto quella solare, la costante esposizione  – si calcola che in media passiamo 9 ore al giorno davanti a schermi – possa causare un invecchiamento precoce della pelle del viso. Tra gli effetti della sovraesposizione agli schermi sono stati riscontrati in molte persone iperpigmentazione, arrossamento e accelerazione dell’invecchiamento cutaneo.

Cosa possiamo fare per evitare questi problemi? Intanto bisognerebbe, laddove possibile, limitare l’utilizzo degli schermi. Per chi è costretto a lavorare da pc, magari sarebbe opportuno evitare di continuare ad utilizzare schermi anche a casa o mentre si è  fuori. Altra buona abitudine è quella di impostare il filtro per la luce blu sia sul monitor del pc che su quello dello smartphone. Infine si può optare per una routine di skincare che prevede l’utilizzo di di creme e prodotti che prevengono gli effetti dell’invecchiamento digitale e riparano i danni come l’ossido di zinco, le creme contenenti SPF e gli antiossidanti topici.

Impostazioni privacy