Se il tuo calorifero non riscalda bene fai attenzione a questo dettaglio: è proprio sotto i tuoi occhi

Se, con l’arrivo dell’inverno, noti che i tuoi caloriferi non riscaldano come dovrebbero, ecco il dettaglio da controllare subito

L’inverno è ormai alle porte e le temperature pungenti si sono già fatte sentire in molte città d’Italia. Nonostante la neve si faccia attendere, sono molte le famiglie che hanno già tirato fuori giacche pesanti, sciarpe e cappelli e che in casa hanno fatto partire i caloriferi di ogni stanza, per riscaldarla un po’ dai venti freddi che entrano da fuori.

Calorifero, cosa devi controllare se non funziona bene
Calorifero, cosa devi controllare se non funziona bene: non ci pensa mai nessuno (liquida.it)

In un momento dell’anno come questo, però, non c’è cosa peggiore dello scoprire che un calorifero non funziona come dovrebbe e non produce abbastanza calore.

Il nervosismo è tanto, soprattutto perché comporta una inevitabile riduzione della temperatura interna e altrettante inevitabili spese per la chiamata di un tecnico o di un idraulico. Prima di farlo, però, fidatevi di noi: c’è un dettaglio da controllare e potrebbe salvarvi il clima e il portafoglio.

Calorifero, ecco perché non si scalda bene: dipende tutto da questo

Sembra incredibile, eppure è così: il colore che avete scelto per il vostro calorifero, in armonia con l’arredamento di casa, influenza non poco il suo corretto funzionamento. Più la superficie è brillante, infatti, e minore sarà la potenza termica del termosifone: se il vostro ha finiture in acciaio cromato o è lucido, quindi, probabilmente riscalderà meno di un altro opaco o con finiture verniciate. La migliore resa termica l’ha il calorifero verniciato, che rispetto a uno lucido funziona meglio del 25%. Ma qual è il colore migliore?

Calorifero, cosa devi controllare se non funziona bene
Calorifero, cosa devi controllare se non funziona bene: non ci pensa mai nessuno (liquida.it)

La tinta che sembra la migliore per i caloriferi, in riferimento alla loro efficienza termica, è quella del nero opaco: in realtà, però, va bene anche la più classica del bianco opaco, che in termini di calore prodotto si differenzia con il nero opaco di un solo 1%. Per i termosifoni si possono scegliere sia vernici metalliche che non metalliche: questa seconda alternativa, però, è meno impattante sull’ambiente e quindi preferibile.

Oltre alla scelta del colore relativa all’efficienza del termosifone, però, si deve comprendere anche lo stile generale che si vuole dare alla stanza. La tinta nera, infatti, è piuttosto impattante e potrebbe appesantire l’ambiente generale. Nel caso in cui non sappiate decidere, andate sul bianco opaco, che assicura buone prestazioni e che sta bene con tutto!

Impostazioni privacy