Sai che puoi fare gli addominali stando in piedi? Ecco come

Avere un addome perfetto è il sogno di moltissimi uomini, ma anche moltissime donne. Ecco che arriva il metodo rivoluzionario per farlo praticamente ovunque.

Quasi nessuno lo sa, ma è possibile fare gli addominali anche stando in piedi: questo comporta che, in pratica, diventeranno d’acciaio senza dover andare in palestra, senza dover avere un tappetino, praticamente ovunque.

Addominali in piedi
Addominali-Liquida

Infatti è possibile fare pochi (ma buoni) esercizi che si prestano ad ogni luogo: puoi farli nella pausa pranzo in ufficio, al parco, a casa la sera anche se hai poco tempo. Sì, perché il segreto è questo: puoi farli comodamente in piedi e questo ti renderà molto più facile farli.

Fare gli addominali in piedi è possibile

Partiamo subito da un presupposto: fare gli addominali in piedi ha numerosi vantaggi, tra cui un minore impatto su collo e schiena. Spesso, infatti, soprattutto chi è alle prime armi ed è poco allenato, ha la tendenza ad allenarsi “male”, mettendo cioè tutto il peso sui punti sbagliati.

In questo modo non solo gli esercizi saranno meno efficaci e porteranno a un minore risultato, ma – cosa più importante – metteranno a repentaglio la salute della tua colonna vertebrale. E, si sa, avere dolori alla schiena è davvero spiacevole. Per ovviare tutti questi problemi – e per avere un addome definito – ecco tre esercizi semplicissimi da fare in piedi.

Ecco come si fanno

Il primo esercizio che è possibile fare in piedi per avere un addome perfetto si chiama “high knee march“, è semplicissimo da fare ed è utilissimo anche per migliorare la resistenza.

Addominali in piedi
Addominali-Liquida

Come si fa? Basta stare in piedi con le gambe leggermente divaricate e le mani sui fianchi e sollevare le ginocchia alternandole e avendo cura di farle arrivare il più in alto possibile. Il risultato sarà in pratica una sorta di marcia sul posto, che sarà comunque davvero molto utile. Per rendere l’esercizio ancora più efficace, è possibile aggiungere un salto oppure sollevare in alto entrambe le braccia.

Il secondo esercizio si chiama “standing bicycle crunch“: altro non è che una variante del classico crunch da eseguire però in piedi. Basta allargare le gambe, così da far arrivare i piedi all’altezza delle spalle, tenendo sempre le mani dietro la nuca, e alzare prima una gamba, mentre il gomito della parte opposta si abbassa e poi l’altra, facendo esattamente lo stesso movimento al contrario.

Infine, il terzo e ultimo esercizio si chiama “standing oblique crunch”. Come suggerisce il nome stesso, serve per lavorare gli addominali obliqui. In pratica basta stare in piedi, con le gambe divaricate e le mani dietro la nuca e piegarsi prima a destra, alzando la gamba e abbassando il gomito e poi a sinistra, ripetendo lo stesso identico movimento.

Ecco tre esercizi davvero facilissimi da fare che renderanno gli addominali di marmo in pochissimo tempo. Ovviamente il numero di ripetizioni e serie varia in basa all’allenamento e alla persona: sarebbe sempre bene chiedere consiglio a un personal trainer esperto per sapere come regolarsi.

Impostazioni privacy