Perché ingrassi anche se sei a dieta? Quello che non sapevi

Spesso i tentativi di mettersi a dieta sono fallimentari, per una lunga serie di ragioni, compresa la mancata consapevolezza di ciò che beviamo. Parola di esperto.  

La maggior parte di noi non mangerebbe pollo fritto o pizza da asporto tre volte alla settimana: sarebbe troppo malsano.

perché ingrassiamo nonostante siamo a dieta
Alcune bevande comuni sono insospettabilmente pericolose per la nostra linea. (Liquida.it)

Ma se ci concediamo un paio di bevande alcoliche il venerdì, il sabato e la domenica, allora consumiamo un numero equivalente di calorie. “Il problema delle bevande zuccherate è che puoi assumere un sacco di liquidi in un brevissimo lasso di tempo – fino a 600 ml, o circa 1000 kJ al minuto”, dice la dietologa Gael Myers

“Ciò significa che l’adulto medio potrebbe assumere il fabbisogno energetico di una giornata intera in 7-10 minuti”. Per aiutarci a essere più consapevoli di ciò che stai somministriamo al nostro corpo, Myers alza i riflettori sui contenuti nutrizionali di alcune bevande comuni, ma insospettabilmente pericolose per la nostra linea.

Tutti gli errori che vanificano la nostra dieta

Partiamo dal succo di frutta. Secondo Myers, mezza tazza di succo di frutta al 100% o meno va bene una volta ogni tanto, ma bisogna essere consapevoli che ha un alto contenuto di zucchero.

“Sì, c’è zucchero nella frutta intera, ma è impacchettato con fibre, vitamine e antiossidanti, quindi la frutta intera è un’ottima opzione per lo spuntino”, spiega. “Quando spremete un frutto, spremete tutto lo zucchero in un bicchiere e buttate via la fibra – la parte migliore“. Inoltre, i succhi freschi sono da preferire a quelli confezionati e ai frullati. Provate zucchine, spinaci, broccoli, finocchi, mele e limone. Utilizzando un potente frullatore, manterrete anche più fibre e sostanze nutritive.

perché ingrassiamo nonostante siamo a dieta
Un solo weekend di eccessi alcolici può vanificare un’intera settimana di duro lavoro. (Liquida.it)

Passiamo all’alcol. Nonostante il proliferare di frasi salutari come “a basso contenuto di carboidrati” e “naturale”, ciò da cui le aziende produttrici di alcolici vogliono distrarre l’attenzione è che i kilojoule nelle bevande alcoliche provengono principalmente dall’alcol stesso. Due bicchieri da 150 ml di champagne equivalgono a circa 920kJ, o una fetta di pizza. Due bottiglie di sidro da 330 ml equivalgono a un cheeseburger. È per questo che diversi nutrizionisti avvertono che un solo weekend di libere bevute può vanificare un’intera settimana di duro lavoro. Vale anche per la birra. “Gli alimenti fermentati contengono batteri ‘buoni’ – chiamati anche probiotici – che si pensa aiutino a mantenere sano l’intestino”, dice Myers. “Il problema è che solo pochi studi sono stati condotti esaminando gli effetti sulla salute”.

Per l’opzione più ipocalorica di tutte, una normale tazza di caffè nero preparato è la strada da percorrere, con solo cinque calorie e nessun grasso. Quando inizi a “condirlo”, tuttavia, lo carichi di calorie extra. L’acqua e il latte naturale sono le bevande più salutari, e se vuoi qualcosa di più elaborato, come un frullato alla frutta o allo yogurt, ti aiuteranno a risparmiare su kilojoule, grassi e zuccheri.

Impostazioni privacy