Non riesci ad addormentarti? Il trucco dei 2 minuti usata dai militari cambierà tutto

L’insonnia è un problema fastidioso condiviso da più persone: superarla è possibile grazie a una tecnica che viene usata dai militari.

Purtroppo è molto facile soffrire di insonnia e le ragioni che fanno insorgere questa problematica sono le più svariate, e vanno da motivi che si possono risolvere da soli a casa, fino a casi nei quali è necessario e fondamentale contattare un medico.

Trucco di due minuti per dormire
Se non riesci a prendere sonno prova questo metodo! (Liquida.it)

Sul vostro caso rientra nella prima categoria allora vi possiamo indicare una tecnica che viene usata dai militari per riuscire ad addormentarsi molto in fretta. Si tratta di un vecchio trucco che è stato provato e testato dall’esercito degli Stati Uniti grazie al cuore in solo due minuti è possibile prendere sonno.

Che cos’è quindi questa tecnica “miracolosa”

Questo metodo sta spopolando sui social visto che la maggior parte degli adulti non riesce a dormire in modo continuativo o non riesce ad avere un sonno che superi le 6 – 7 ore. Questa tecnica è stata creata per poter essere utilizzata in situazioni di grande stress, come per l’appunto un campo di battaglia nel quale operano i militari.

Questa tecnica è stata illustrata in un libro che prende il nome di “Relax and Win: Championship Performance” del 1981.

Addormentarsi in due minuti
Immagina luoghi rilassanti (Liquida.it)

Non si possono avere dei dati sicuri sul fatto che questa tecnica funzioni, poiché non sono stati svolti ancora dagli studi specifici, ma diverse persone hanno confermato e garantito la sua efficacia.

Per esempio su TikTok un utente racconta la sua esperienza:

Sono figlio di militari e me l’hanno insegnata. E la insegnava anche un mio docente di psicologia all’università, che era un ex combattente. Funziona senz’altro

Come si mette in atto questa tecnica?

Innanzitutto è fondamentale rilassare il viso, iniziando dalla fronte per poi scendere finalmente, concentrandosi al tempo stesso sulla respirazione. Dopo di che, bisogna lasciare cadere le spalle in modo che la tensione accumulata sulle braccia, sulle mani e sulle dita si sciolga il più possibile: immaginare una sensazione di calore che parte dalla testa e arriva fino alla punta delle dita può essere di grande aiuto.

Bisogna poi fare un respiro profondo e rilassare il petto facendo scendere il respiro stesso verso lo stomaco. Poi sarà il turno delle gambe che andranno a rilassarsi una alla volta, continuando a immaginare la sensazione di calore nominata prima, come un fluido che scorre fino ai piedi.

Bisogna poi cercare di liberare la mente da ogni tensione, immaginando degli scenari rilassanti, visualizzandoli per esempio sdraiati su una canoa in un lago, oppure mentre ci si riposa su un’amaca in una stanza buia. Infine si può ripetere mentalmente per 10 secondi “non pensare”.

Fateci sapere se questa tecnica ha funzionato con voi.

Impostazioni privacy