Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Miele, come riconoscere quello genuino: 4 trucchi semplici ed efficaci

Il miele è un alimento essenziale nella dieta, un validissimo alleato per la salute e il benessere ma è importante riconoscere quello puro. Scopriamo come fare con quattro metodi infallibili.

Proprietà benefiche che sono fondamentali ad ogni età, ovviamente a patto che la qualità sia quella giusta perché per essere un toccasana deve essere al 100% naturale quindi il prodotto del lavoro delle api, senza alterazioni o modifiche.

Miele migliore
Trucchi per trovare il miele migliore (Liquida)

Questo alimento è uno dei pochi al mondo a non avere data di scadenza quindi se ne trovate uno dalle eccelse qualità e soprattutto veramente naturale è possibile farne scorta senza problemi.

Riconoscere il miele puro al 100%

Riconoscere il miele puro è fondamentale perché se si parla tanto dei suoi benefici va specificato anche che per ottenerli non deve aver subito modifiche di alcun tipo. Le sue proprietà per l’organismo sono eccellenti in quanto è un alimento altamente nutritivo e sano. Da una ricerca condotta negli Stati Uniti però è risultato che il 76% del miele in commercio è filtrato e quindi non ha realmente le sue proprietà naturali perché vengono rimosse le impurità ma in questo modo anche il polline viene eliminato.

Miele buono
Api che producono miele naturale (Liquida)

In Europa la situazione è sicuramente differente perché si tende a mantenere il prodotto nella sua integrità senza tutti questi passaggi. Sicuramente se potete rivolgervi ad un’azienda biologica il problema non c’è perché sarà naturale ma il problema generico è di quando si va al supermercato e si deve scegliere un barattolo di miele. Non sempre per le persone è possibile per ragioni di spesa, di tempo o di disponibilità rintracciare online o sul territorio aziende che si occupino in prima persona di produrre miele, quindi la cosa più comune a tutti è comprare il miele al supermercato insieme a tutti gli altri alimenti.

Se l’Italia parte avvantaggiata perché a differenza degli USA non c’è questa “pulizia” forzata del prodotto, bisogna anche dire che non tutto ciò che viene venduto sugli scaffali arriva veramente dal Paese, molto viene importato. Quindi la prima cosa da fare è leggere l’etichetta, prediligendo quel miele che viene prodotto e lavorato in Italia o comunque in Europa. Questa è garanzia di una prima qualità. Sembra strano ma sono stati addirittura identificati molti falsi tra i prodotti che derivavano da altri paesi.

I 4 trucchi per trovare il miele migliore

Il miele migliore è quello biologico e puro, come riconoscerlo? Il miele naturale è molto corposo, quando lo acquistate fate il test della goccia. Ne mettete un po’ sul dito, se gocciola o tende a cadere il miele è stato lavorato, se resta fermo invece è naturale. Altro test da fare è con l’acqua. Basta riempire un bicchiere d’acqua e versare un cucchiaino di miele all’interno, se puro resterà fermo e intatto senza sciogliersi.

Il miele puro tende a cristallizzare nel tempo quindi ad indurirsi, quello che sembra più grezzo quindi al supermercato è anche quello migliore. Se resta sempre liquido nel tempo vuol dire che è stato trattato. Ultimo passaggio, il test del fuoco. Mettete a contatto con una fiamma un po’ di miele, se si genera una fiamma il miele è naturale, se non accade vuol dire che c’è alta umidità e che è stato filtrato.

Meglio leggere sempre l’etichetta per sapere attentamente cosa si sta comprando, da dove deriva e qual è il processo di produzione e lavorazione dello stesso.

Impostazioni privacy