“Mi sembrava di impazzire”: Lodovica Comello rivela tutto sulla maternità, parole mai dette prima

Incredibile rivelazione, quella dell’attrice, conduttrice e cantante amatissima da tutti. Ecco le parole di Lodovica Comello sulla maternità.

Diventata famosa soprattutto grazie al ruolo che ha ottenuto in Violetta, prodotta da Disney Channel e Pol-ka Producciones e seguita da tantissimi giovanissimi in tutto il mondo, oggi Lodovica Comello è una donna e una professionista di successo. Moglie e mamma, ha pubblicato due album per Sony Music e diversi singoli, continuando parallelamente anche la professione di conduttrice. Ecco però le sue parole sulla maternità, che han lasciato tutti a bocca aperta.

Lodovica Comello rivelazione maternità
Lodovica Comello, ecco le sue parole (liquida.it / ansafoto)

Dopo il matrimonio avvenuto il 1° aprile 2015 con il produttore Tomas Goldchmidt, conosciuto proprio sul set di Violetta, Lodovica Comello il 16 marzo 2020 ha dato alla luce il suo primogenito Teo, nato proprio agli inizi della pandemia di Sars-CoV-2. Per condividere le sue esperienze da neo mamma, Lodovica Comello ha pubblicato un podcast su Spotify intitolato “L’asciugona, nel quale ironizza sulle principali sfide, difficoltà ed entusiasmi di questa nuova esperienza da genitore. Ecco però le sue recenti parole sulla maternità: non è tutto rose e fiori.

Lodovica Comello e la maternità: parole dure

Dopo la nascita di Teo, Lodovica Comello ha vissuto un netto ridimensionamento della propria carriera, molte volte per sua stessa decisione. “Le proposte fioccavano, ma tante volte le ho declinate perché mi avrebbero allontanata da casa per troppo tempo. Ora che Teo è un po’ più autonomo non vedo l’ora di rimettermi in gioco” confessa a Vanity Fair.

Lodovica Comello rivelazione maternità
Lodovica Comello, ecco le sue parole (liquida.it / ansafoto)

Proprio in questi giorni, infatti, sta per iniziare un nuovo programma su Radio 105 intitolato “105. Lei, lui, l’altro” insieme Edoardo Mecca e Dario Niccolani e, parallelamente, prosegue il suo lavoro per il podcast dedicato alla maternità. “Tante mamme mi hanno scritto che le faccio sentire meno sole. Perché magari io ironizzo su cose che, in determinati momenti, possono essere percepite come drammi” confessa a Vanity Fair.

Come lei stessa ammette, infatti, ci sono stati momenti in cui si è sentita persa e non voleva nemmeno tenere Teo in braccio. “Ero sconvolta da un allattamento che non partiva. E non riuscivo a fare pace con il desiderio di Teo di stare sempre attaccato” ha detto, parlando di come anche il lockdown abbia reso tutto estremamente difficile. “Andavo nell’altra stanza, lo sentivo strillare e mi sembrava di impazzire. È stato un inizio duro, piangevo spesso” ha concluso, rivelando quindi gioie e dolori di questa esperienza della maternità.

Impostazioni privacy