Fondi del caffè: non ci si legge il futuro ma ci si potrebbe curare Alzheimer e Parkinson

Lo sapevi che i fondi del caffè possono essere un rimedio per curare l’Alzheimer e il morbo di Parkinson? La scoperta è rivoluzionaria.

L’Alzheimer e il Parkinson sono malattie sempre più diffuse. I casi sono aumentati notevolmente negli ultimi anni, anche a causa del progressivo invecchiamento della popolazione.

Ecco come il caffè aiuta per l'Alzheimer
Caffè per l’Alzheimer (Liquida.it)

Gli abitanti dell’Italia sono sempre più anziani e longevi e alla vecchiaia si associano maggiormente queste patologia. Basti considerare che negli anni ’50 la speranza di vita degli italiani era di 45 anni. Oggi è aumentata a oltre 80 anni.

Per questo motivo stanno insorgendo sempre di più malattie gravi e degenerative che minacciano la qualità della vita degli italiani, come l’Alzheimer e il Parkinson. La ricerca sta sempre di più investendo sulle patologie che colpiscono la popolazione anziana, ma non solo. Molte persone cominciano ad ammalarsi in età ancora giovanile e cominciano a manifestarsi i sintomi terribili. Recentemente è stata fatta una scoperta rivoluzionaria che contiene l’antidoto per sconfiggere queste due patologie.

Alzheimer e Parkinson, il segreto sta nei fondi del caffè

Le due malattie sono entrambi disturbi neurodegenerativi e hanno molto in comune, anche se i sintomi e le cause sono profondamente diversi. Per questo motivo recentemente è stata fatta una scoperta rivoluzionaria, che potrebbe aprire uno spiraglio per curare questi disturbi. La scoperta è stata fatta Jyotish Kuman dell’Università del Texas di El Paso, il quale ha affermato che si è già trovato il rimedio per malattie incurabili.

Il caffè che cura Alzheimer e parkinson
La cura per la demenza a base di fondi di caffè (liquida.it)

I fondi del caffè non aiutano a dirti se in futuro avrai o l’Alzheimer o il Parkinson, ma sono la cura miracolosa per contrastare i segni della malattia. Se in tempi remoti venivano utilizzati per predire le maledizioni e il malocchio, oggi possono essere utili per sconfiggere queste due insidiose patologie. Gli studi hanno messo in luce che questi farmaci economici sono stati utili per proteggere dagli effetti della demenza, quando la malattia era causata dal pesticida paraquat.

Le cure attualmente in commercio servono solo a gestire i sintomi di Parkinson e Alzheimer, ma non le curano. Entrambe sono causate da carenze di sostanze o di eccesso. Il Parkinson è associato a una carenza di dopamina nel cervello, mentre l’Alzhaimer da un accumulo di amiloide. I sintomi sono tremori di una o più parti del corpo che si evolvono in demenza. L’Alzhaimer si manifesta con disturbi di memoria fino ad arrivare alla perdita del linguaggio. L’antiossidante dell’acido caffeico può rappresentare una svolta per sconfiggere i sintomi e si sta studiando per produrre una pillola.

Impostazioni privacy