Fai colazione con il cappuccino? Non ci crederai mai a che effetti potresti avere

Il cappuccino è ampiamente consumato a colazione. Ma è una bevanda sana? In questo articolo vi sveliamo gli effetti che potrebbe causare.

A differenza della maggior parte degli altri Paesi, in Italia anche gli adulti consumano una colazione dolce. La più tipica è brioche e cappuccino. Tuttavia questa bevanda può causare effetti spiacevoli alla lunga. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Effetti collaterali del cappuccino
Il cappuccino può causare spiacevoli effetti collaterali/ Liquida.it

Nel resto del mondo la colazione dolce è riservata ai bambini. In Gran Bretagna, in Francia, in Germania, negli Stati Uniti, gli adulti sono soliti consumare colazioni salate a base di pane, uova, salumi e formaggi. L’Italia rappresenta un’eccezione: nel nostro paese la colazione è rigorosamente dolce. La scelta di gran parte della popolazione è la più classica e golosa accoppiata: cappuccino più brioche ( o cornetto che dir si voglia).

I possibili danni di consumare brioche tutti i giorni già li conosciamo: si tratta di un alimento non solo molto calorico ma anche ricco di zuccheri e grassi. Le brioche che comunemente si trovano al bar o in pasticceria non fanno bene né alla linea né alla salute. Devono essere considerate un’eccezione e non la regola quotidiana. Non ci crederete ma nemmeno il cappuccino può essere considerato un alimento sano.

Cappuccino: ecco cosa ti può provocare

Caldo, schiumoso, goloso: nessuno sa resistere ad un bel cappuccino fumante, soprattutto la mattina appena alzati o prima di correre al lavoro. Il cappuccino tradizionale è fatto con caffè e latte. Più semplice di così non si può! Eppure questa accoppiata non è vincente in termini di salute.

Danni del cappuccino
L’unione di caffè e latte non è salutare/ Liquida.it

Il caffè, infatti, oltre alla caffeina contiene i tannini. Il latte, invece, contiene una proteina detta albumina. Tannini più albumina, quando si incontrano, danno vita ad una sostanza chiamata tannato di albumina. Questa sostanza è difficile da assimilare e può impegnare la digestione anche per diverse ore con il risultato di causare gonfiori addominali o, addirittura, problemi intestinali. Che fare allora? Dobbiamo rinunciare al cappuccino? Assolutamente no. La soluzione è semplicissima. È sufficiente sostituire il latte con una bevanda vegetale. In commercio ormai ce ne sono per tutti i gusti: soia, riso, mandorla, cocco, noce, nocciola, farro, miglio. In questo modo potremo continuare a gustarci il nostro cappuccino senza avere disturbi di alcun tipo.

Una buona idea è anche quella di variare e sperimentare diversi tipi di colazione. Al posto delle classiche brioche si può optare per torte fatte in casa: molto più sane e dietetiche. Oppure, se volete una colazione molto in voga tra gli americani, potete provare i pancake con sciroppo d’acero. Se, invece, volete tagliare un po’ le calorie,  un’ottima idea è iniziare la giornata con frutta fresca, frutta secca e yogurt oppure con un bel frullato sempre a base di frutta e yogurt magro a cui aggiungere un cucchiaio di burro di arachidi.

Impostazioni privacy