Come capire a prima occhiata se il gelato è buono o no

Il gelato è ampiamente consumato in estate e proprio per questo è importante sapere come capire se è buono già ad una prima occhiata.

Il gelato è sicuramente tra gli alimenti più consumati in estate per via della sua freschezza. Grazie ad esso infatti è possibile trovare refrigerio dalle alte temperature. Ciò detto, però, è importante sapere che ci sono alcuni aspetti che bisogna considerare quando si sceglie il gelato.

Come capire se il gelato è buono
Il gelato per essere buono deve avere alcune caratteristiche ben precise – Liquida.it

Di seguito, vi sveliamo tutti che quelli che sono i fattori da valutare nella scelta del gelato. Si tratta di informazioni particolarmente utili che vi consentiranno di consumare solamente prodotti di qualità che non mettono a rischio la propria salute. Quando è di scarsa qualità, infatti, il gelato può contenere sostanze che finiscono per causare problemi all’organismo che è bene prevenire.

Gelato, ecco come sceglierlo senza sbagliare

Quando ci si reca in gelateria, spesso non si riesce a capire quali sono gli aspetti da considerare per riuscire a compiere una scelta di qualità. A tal proposito, è importante dire che bisogna prestare ad una serie di fattori in riferimento al gelato, tra cui il colore, la consistenza e molto altro ancora.

Come capire se il gelato è buono
Il gelato deve avere un colore non troppo accesso e vivace – Liquida.it

Il colore non deve essere troppo sgargiante dal momento che non è altro che il segnale che sono stati utilizzate grandi quantità di colorante. Piuttosto, dovrebbe presentarsi un colore naturale. Questo aspetto è particolarmente utile nel caso dei gusti alla frutta che spesso presentano colori troppo vivaci, frutto di un’eccessiva lavorazione.

Occhio alla consistenza che deve essere cremosa al punto giusto. Se troppo denso, infatti, potrebbe rivelare la presenza di una eccessiva quantità di grassi. In riferimento al gusto, è chiaro che questo deve essere facilmente riconoscibile. Ciò significa che deve corrispondere all’ingrediente. Se al contrario i gusti tenderanno a somigliarsi, vuol dire che si tratta di gelati di scarsa qualità.

Da non sottovalutare è anche l’importanza di della temperatura. Questa non deve essere nè eccessivamente alta, nè eccessivamente bassa. Nel primo caso, può indicare un forte sbilanciamento degli ingredienti all’interno della ricetta. Nel secondo caso, invece, si potrebbe indicare la presenza eccessiva di stabilizzanti e grassi. Ciò detto, la temperatura ideale è compresa tra i -14 / -16°C.

In ultima analisi, è fondamentale sottolineare che un buon gelato, una volta terminato, non deve far venire sete. Un prodotto di qualità piuttosto tende deve essere rinfrescante ed aver un grande potere dissetante. I gelati industriali, in questo senso, tendono ad essere più ricchi di grassi vegetali. Questi infatti tendono a favorire l’infiammazione, aumentando i livelli di colesterolo LDL. Ciò detto, grazie a questi semplici consigli sarà possibile scegliere un gelato di qualità, evitando di incappare in rischi per la salute.

Impostazioni privacy