Cioccolato, come sapere se è scaduto? La curiosità che forse non conoscevi

Vi siete mai chiesti se il cioccolato appartiene alla categoria degli alimenti con scadenza? Ecco come capire se è andato a male.
Il cioccolato è quel guilty pleasure che non può assolutamente mancare in casa se vogliamo avere qualcosa di goloso da mangiucchiare durante la giornata. Se abbiamo bambini in casa, poi, privarli del cioccolato è quasi impossibile!
Il cioccolato è scaduto? Ecco come capirlo
Il cioccolato va a male? – Liquida
Che sia al latte, fondente o bianco, il cioccolato è sempre presente nelle case degli italiani per essere mangiato così com’è o da utilizzare nelle nostre preparazioni e dolci preferiti. A chi non consuma molto cioccolato sarà capitato almeno una volta di recuperarne una barretta dalla dispensa e chiedersi da quanto tempo sia lì e se sia ancora buono da mangiare.
Molti si chiedono se anche il cioccolato, come il resto degli alimenti, abbia una data di scadenza da non oltrepassare. La risposta non è semplicissima ed è determinata da diversi fattori. Il primo è il metodo di conservazione del cioccolato: la confezione è aperta o sigillata? Lo avete conservato in dispensa o in frigo? E poi bisogna anche osservare la qualità del cioccolato stesso: più alta è più a lungo durerà l’alimento. Anche il cioccolato ha una data di scadenza, ma non è intesa come per gli altri alimenti. Vediamo perché.

Il cioccolato può andare a male? Come capire se è davvero scaduto

La conservazione del cioccolato è fondamentale: non deve mai essere esposto alla luce del sole, idealmente dovrebbe essere conservato a una temperatura tra i 12 e i 14 gradi e mai vicino ad alimenti dagli odori molto forti, in quanto il burro di cacao tende ad assorbirli facilmente. In questo modo l’odore e il sapore del cioccolato si preserverà più a lungo. Data la sua composizione, il cioccolato è un alimento non deperibile, quindi non può andare a male ma, come accennato, con il passare del tempo perderà il suo inconfondibile sapore.

Il cioccolato è scaduto? Ecco come capirlo
Come capire se il cioccolato è scaduto – Liquida

L’amato dolce non va a male come succede ad altri alimenti, ma invecchiando perde lentamente il suo sapore. Più è alta la concentrazione di latte, più questo processo sarà veloce: è dunque più delicato il cioccolato bianco e quello a latte, mentre quello fondente resisterà più a lungo.

A volte capita di trovare delle macchie bianche o chiare sulle barrette di cioccolato e molti credono che sia sintomo di un prodotto scaduto, ma è un falso mito. La pellicola bianca si chiama ‘fioritura grassa’ e non è altro che il burro di cacao che si separa dal resto degli ingredienti; si forma a causa della cattiva conservazione del cioccolato ma ciò non vuol dire che non sia sicuro da consumare. In sintesi, il cioccolato può essere sempre consumato, perde solo la sua qualità.

Impostazioni privacy