Assicurazione online, si intensifica il pericolo truffe: come essere in grado di evitarle

Sono sempre di più i cittadini che si mettono alla ricerca di assicurazioni vantaggiose sul web e rimangono vittime di truffe.

Tutti i possessori di automobili conoscono bene i costi necessari per mantenere il mezzo. Oltre alle spese relative alla benzina o al metano, il titolare deve provvedere anche all’ordinaria manutenzione del veicolo e al pagamento del bollo auto. Inoltre ogni due anni deve essere effettuata la revisione dell’auto (che ha ovviamente un costo) ed è necessario essere sempre in regola con l’assicurazione del veicolo.

Truffa assicurazione online
Aumentano le truffe con le assicurazioni online – Liquida.it

Proprio quest’ultimo aspetto rappresenta un costo non banale per i possessori di automobili, che vanno sempre alla ricerca di qualche compagnia assicurativa che possa consentire di risparmiare qualcosa.

Per questo motivo in molti guardano anche alle assicurazioni online, dato che sul web si possono trovare offerte più convenienti. Tuttavia, molto spesso affidarsi ad un’assicurazione online significa andare incontro ad una truffa: il mondo di internet è infatti pieno di raggiri ed è facile cadere in qualche tranello.

Truffa delle assicurazioni: spillate 5.000 euro alla povera vittima

E’ proprio quanto accaduto ad un cittadino piemontese, che si era messo alla ricerca di un’assicurazione conveniente su internet dopo un incidente stradale. Proprio mentre guardava le offerte migliori sul web, l’uomo si è ritrovato sul portale di una compagnia assicurativa con prezzi davvero molto vantaggiosi. Sul sito veniva chiesto di mettersi in contatto telefonicamente con la compagnia. Il cittadino piemontese ha avuto un colloquio telefonico con un’operatrice, dove gli è stato chiesto di versare somme di denaro su alcune carte prepagate per poter usufruire di un premio di polizza molto basso.

Truffa assicurazione auto
La truffa delle assicurazioni ha fatto un’altra vittima – Liquida.it

L’uomo ha quindi eseguito i primi due versamenti ma a quel punto l’applicazione si è bloccata. L’operatrice ha quindi consigliato alla vittima del raggiro di recarsi presso uno sportello Atm per completare gli altri due versamenti. Per farla breve, il cittadino piemontese ha versato circa 5.000 euro ed è rimasto quindi vittima della cosiddetta “truffa delle assicurazioni“. I malintenzionati, infatti, realizzano false pagine web che appaiono praticamente identiche a quelle delle compagnie assicurative, provvedendo a inserire anche contatti telefonici per stabilire la comunicazione diretta con la vittima.

Il consiglio delle forze dell’ordine è di rivolgersi sempre ai canali ufficiali delle compagnie assicurative che si muovono sul web. Le vere compagnie di assicurazione non propongono mai il telefono cellulare come contatto e richiedono il pagamento del premio tramite bonifico bancario o carta di credito. Inoltre, non bisogna mai fornire informazioni personali e i dati del proprio conto corrente a sconosciuti.

Impostazioni privacy