Animali velenosi, possono uccidere ma nessuno lo sa | C’è anche la farfalla

Molti animali comuni potrebbero causare pericolose reazioni a causa del veleno che contengono. Ecco quali sono e quando fare attenzione.

Nel vasto regno animale, esistono creature che dietro un’apparenza innocua nascondono un pericolo mortale. I meccanismi di difesa degli animali velenosi si sono evoluti nel corso dei millenni, permettendo loro di sopravvivere e di proteggersi dai predatori. Tuttavia, spesso si tratta di piccoli esseri che vivono in habitat remoti o che si mimetizzano perfettamente con l’ambiente circostante, rendendo difficile la loro identificazione.

Molti animali sono velenosi e non lo sappiamo.
Nono solo animali esotici: anche uccelli e molluschi che mangiamo spesso sono velenosi – liquida.it

In tutto il mondo, serpenti, ragni, scorpioni, pesci e insetti velenosi rappresentano una minaccia reale per l’uomo e per altri animali. Alcuni serpenti velenosi, come il cobra o il serpente corallo, possiedono veleni potentissimi capaci di causare insufficienza respiratoria o arresto cardiaco.

Tuttavia, non sono solo gli animali esotici a essere velenosi. Anche alcune specie autoctone possono rappresentare un pericolo. In molte parti del mondo, insetti come le api o le vespe possono pungere e scatenare reazioni allergiche gravi o addirittura mortali nelle persone allergiche al loro veleno. Altri animali, invece, sono così comuni che non penseresti mai che sono velenosi.

Uccelli e molluschi sono tra le specie più velenose e in pochi lo sanno

La quaglia, ad esempio, è un comune uccellino di dimensioni ridotte e dall’aspetto piuttosto insignificante, la cui carne è considerata un piacere gastronomico in tutto il mondo. Essendo consumata così diffusamente, come potrebbe mai essere velenosa? Eppure, è proprio così: le quaglie sono creature velenose.

Mangiare la carne di una quaglia può causare una condizione chiamata coturnismo, in cui le cellule muscolari iniziano a rompersi, provocando dolore, nausea e vomito. La pericolosità di questa creatura si manifesta solo durante una specifica fase annuale, cioè durante le migrazioni, quando ha accesso a determinate varietà di vegetali. Inoltre, non tutti gli esemplari diventano tossici, il che riduce significativamente il rischio di avvelenamento.

La quaglia è un animale potenzialmente velenoso.
La quaglia, se mangiata in alcuni periodi e senza un’adeguata cottura, potrebbe creare problemi per l’uomo – liquida.it

Passiamo poi alla bellissima farfalla monarca. Si nutre del nettare dell’Asclepias, una pianta che è tossica per gli esseri umani e per molti altri animali. Chiaramente è molto poco probabile che qualcuno si cibi di farfalle, ma se si ingerisse una quantità sufficiente di farfalle monarca, si potrebbe iniziare a vomitare, la vista potrebbe offuscarsi e potrebbe addirittura verificarsi un arresto cardiaco.

Ci sono alcuni anche alcuni invertebrati marini, come alcune specie di conchiglie, echinodermi e molluschi, che possono contenere tossine pericolose se consumati. Ad esempio, il consumo di alcuni tipi di conchiglie o di alcuni molluschi filtratori raccolti in aree inquinate può causare intossicazioni.

Purtroppo, l’ignoranza riguardo agli animali velenosi è comune nella società odierna. Molti non sanno riconoscere i segni di avvertimento o le specie pericolose presenti nelle loro aree locali. In alcuni casi, le vittime non sono nemmeno consapevoli di essere state morsicate o punte, attribuendo i loro sintomi a cause diverse. Per prevenire incidenti con animali velenosi, è fondamentale diffondere informazioni accurate e promuovere la consapevolezza.

Impostazioni privacy