Alessandro Borghi, la malattia scoperta per caso grazie ad una domanda della compagna

Alessandro Borghi è un attore nostrano che si è reso conto di avere una malattia per caso, grazie all’interesse della sua fidanzata.

Alessandro è uno dei volti del cinema italiano e un artista molto apprezzato. Di recente ha rivelato di avere una malattia, ecco come l’ha scoperta, di che cosa si tratta e il ruolo della fidanzata.

Alessandro Borghi ecco qual è la sua malattia
Alessandro Borghi spiega la sua malattia di origine neurologica-liquida.it-Fonte: Ansa

Alessandro Borghi un talentuoso attore trentaseienne romano che ha già ricevuto diversi riconoscimenti importanti. Per il film Sulla mia pelle ha ricevuto il premio FEDIC alla 75° Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia. Nel 2020 è stato protagonista della serie tv trasmessa su Sky Atlantic: Diavoli dove ha collaborato con Patrick Dempsey. Per quanto riguarda il privato l’attore ha raccontato di avere una malattia che lo accomuna alla cantante Billie Eilish, ma anche a David Beckham, Set Rogen e Dan Aykroyd nel mondo dello spettacolo. Ma che cos’ha di preciso? Ecco tutti i dettagli.

Alessandro Borghi non l’avrebbe mai pensato

Nel corso di un’ospitata a Bsmt, il podcast di Gianluca Gazzoli, Alessandro Borghi è tornato a parlare della sua malattia: la sindrome di Tourette di cui aveva già accennato un paio di anni fa durante un’intervista a Il Corriere della Sera in occasione dell’uscita del film Supereroi. L’attore ha spiegato che ad accorgersene è stata la sua compagna, una psicologa, che un giorno gli ha chiesto a bruciapelo da quanto tempo avesse i tic che manifestava. Quando lui ha risposto lei ha detto: “tu non hai tic, tu hai la Tourette. Ce l’hai motoria e non ce l’hai verbale“.

Alessandro Borghi, ecco come la fidanzata gli ha detto la verità sulla sua situazione
Alessandro Borghi, ecco come ha indiduato il suo problema-liquida.it-Fonte: Ansa

L’attore di Sulla mia pelle ha spiegato che la Tourette più famosa è quella delle parolacce, la più aggressiva. C’è però tutto un mondo che riguarda i tic da cui si può guarire, mentre dalla Tourette no, perché è una cosa neurologica. Secondo l’artista è bello sapere che non c’è una cura a una cosa che hai. Lui ha fatto la differenza con persone che hanno cose brutte e a quanto può essere brutto non avere una risposta rispetto ad averla brutta.

Nel suo caso di manifesta in corrispondenza di picchi emotivi, quando è molto stanco, stressato o felice o ancora quando si sente a disagio. Spesso accade quando ha a che fare con il corpo, quando si guarda allo specchio e sente di non essere a suo agio allora ha dei picchi incredibili. Si tratta di qualcosa con cui bisogna imparare a convivere e l’interprete lo sa bene anche se quando recita la malattia scompare.

Impostazioni privacy