Best ofNotizieVideo

1

  • Notizia del dalla Redazione di Liquida

    100 giorni di Monti, tutti i numeri del Governo

    A tre mesi dall'insediamento dell'esecutivo il Governo pubblica un dossier di 34 pagine su quanto messo in atto dal governo tecnico. A Palazzo Chigi risparmi per 43 milioni di euro

    100 giorni di Monti, tutti i numeri del Governo

    © ALBERTO PIZZOLI/AFP

    Approfondisci: Repubblica: Il governo celebra i 100 giorni

    Il Governo ha risparmiato oltre 43 milioni di euro da quando si è insediato. Il Governo ha pubblicato il rapporto Governo Monti: attività dei primi cento giorni, il dossier vuole fare luce sulle attività dei primi 100 giorni del governo Monti.

    Il rapporto comprende 34 pagine divise in due parti. La prima descrive e analizza le tre direttrici, rigore, equità e crescita che hanno ispirato l'azione dell'Esecutivo, il rapporto con l'Europa e con i cittadini. La seconda parte, incentrata sulle politiche di settore, dà conto dei provvedimenti per il Mezzogiorno, di quelli di politica estera e difesa, sicurezza e giustizia, agenda digitale, scuola, impresa e servizi pubblici locali.

    Ha fatto subito notizia il capitolo dedicato ai tagli della presidenza del Consiglio. In tre mesi, palazzo Chigi ha risparmiato oltre 43 milioni di euro.

    "Sono state conseguite diverse riduzioni dei costi, -4 milioni di euro per i dipendenti nelle strutture generali stabili (blocco del turnover, congelamento dei contratti, pensionamenti); -12,2 milioni di euro per gli uffici di diretta collaborazione relativi al presidente, ai ministri senza portafoglio e ai sottosegretari presso la presidenza del Consiglio. In questi uffici si registra una riduzione di 241 unità in termini di personale addetto; -2,3 milioni di euro per le strutture di missione, con una riduzione di 51 unità di personale; -750mila euro per esperti e consulenti, il cui numero complessivo è diminuito di 99 unità"

    Ma il dossier spiega anche i due pacchetti di misure di novembre sul rigore e quelle di gennaio sulle crescita. La nota di palazzo Chigi spiega che con il primo provvedimento si è voluto dare il via a "misure urgenti per assicurare la stabilità finanziaria, la crescita e l'equità. Il compito di questo governo è quello di far uscire il Paese dalla zona d'ombra in cui era stato confinato, di porre fine all'emergenza e, soprattutto, di gettare le basi per una rinascita economica e sociale".

    Mentre sul pacchetto di misure varato il 20 gennaio, il dossier ricorda che "mirano a rimuovere due grandi vincoli che hanno compresso per decenni il potenziale di crescita dell'Italia: l'insufficiente concorrenza dei mercati e l'inadeguatezza delle infrastrutture. Il provvedimento contribuirà nel breve periodo a traghettare l'economia nazionale fuori dalla spirale recessiva e, nel medio/lungo periodo, ad allinearla ai ritmi di crescita dei partner europei e internazionali. In particolare l'attenzione del governo si è focalizzata sui giovani, puntando alla valorizzazione del merito come fattore premiante. L'insieme delle misure si basa su due pilastri: crescita ed equità".

    "L'obiettivo del governo è di contribuire sempre di più a determinare gli orientamenti politici ed economici dell'Unione Europea, non limitandosi a recepirli in modo passivo", si spiega nella seconda parte del dossier che pone attenzione ai rapporti dell'Italia con l'UE.

  • Notizia del 13 maggio 2013 da Questione Della Decisione

    Lampioni spenti: i risparmi sull'illuminazione pubblica

    In tema di taglio alla spesa e risparmi  è utile sapere che questa associazione dal nome evocativo Cielo buio aveva presentato, a suo tempo, un rapporto all'ex governo Monti sui possibili risparmi alla bolletta elettrica per illuminazione che, su scala nazionale, si sarebbero aggirati sugli... continua

  • Notizia del 23 marzo 2013 da Letto&detto;

    MARCO COBIANCHI [giornalista-scrittore]

    MARCO COBIANCHI [giornalista-scrittore]

        Marco Cobianchi (1966) è nato a Milano ma fino al periodo universitario ha vissuto tra Rimini, Forlì e Ravenna. A diciassette anni inizia il mestiere di giornalista in una radio di Bologna per poi passare al network Odeon Tv, e successivamente a un quotidiano locale di Rimini. Nel 1990... continua

  • Fini apre a una possibile alleanza con il PDL

    Notizia del 09 novembre 2012 da L'Altra Notizia.Net

    Se Alfano farà "chiarezza sul rapporto con il governo Monti e soprattutto sulla necessità per l'Italia di continuarne l'azione riformatrice anche dopo le elezioni,... continua

  • Notizia del 09 novembre 2012 in Politica da Il Gazzettino

    Fini apre al Pdl di Alfano: inaugurare nuova pagina moderati

    ROMA - Se Alfano farà «chiarezza sul rapporto con il governo Monti e soprattutto sulla necessità per l'Italia di continuarne l'azione riformatrice anche dopo le elezioni, allora »si potrà davvero aprire una pagina nuova per tutti i moderati italiani. E personalmente ne sarò lieto».... continua

  • E adesso Fini "apre" ad Alfano

    Notizia del 09 novembre 2012 in Politica da Gazzetta del Sud

    Se Alfano farà "chiarezza sul rapporto con il governo Monti e soprattutto sulla necessità per l'Italia di continuarne l'azione riformatrice anche dopo le elezioni,... continua

© Banzai Media S.r.l. tutti i diritti riservati Patent pending P. IVA 05791120966